Confcooperative Salerno, confermato presidente Salvatore Scafuri, Antonio Borea a ConfCampania.

Venerdì 29 luglio si è tenuta l’Assemblea dei Comitati di Confcooperative Regione Campania e Confcooperative provinciali.

I votanti chiamati a rinnovare le cariche sociali, in numerosa presenza sia in videoconferenza che in sede, hanno eletto all’unanimità Salvatore Scafuri come presidente del Comitato provinciale Salerno, che incassa la totale fiducia delle circa 300 cooperative aderenti per la provincia di Salerno e prolunga il suo mandato per altri 4 anni. Per quanto riguarda il Comitato regionale, Antonio Borea, irpino, imprenditore sociale, è stato confermato alla guida del Consiglio regionale di Confcooperative Campania (un sistema di imprese che dà lavoro a oltre 10.000 persone e un fatturato aggregato è pari a quasi 800 milioni di euro). 

Il direttore amministrativo Medincò SCarl Cooperativa dei Medici di Medicina Generale della Provincia di Salerno dott.ssa Gilda Tranzillo entra a far parte della squadra di Salvatore Scafuri, Presidente Confcooperative Salerno.

Il presidente riconfermato Scafuri ha espresso tutta la sua soddisfazione, sottolineando “l’importanza del movimento cooperativo salernitano che rappresenta una grossa fetta del mondo imprenditoriale del territorio e l’importanza del ruolo di Confcooperative che anche in questo periodo di emergenza è stata vicino e ha supportato le proprie associate e i soci lavoratori”.

Il Presidente regionale Borea ha dichiarato: “Sono stati quattro anni faticosi ma stimolanti. Abbiamo davanti un nuovo quadriennio durante il quale siamo chiamati a sostenere la crescita dell’imprenditoria cooperativa, forma di impresa nella quale credo con fermezza. Il Consiglio regionale, con il supporto della struttura tecnica, si assume l’impegno di essere mente e anima di questa Organizzazione che ha un valore relazionale e di supporto. La parola che scelgo per riassumere il cammino che ci attende è aggregazione. Sarà fondamentale la coesione per continuare a crescere e essere costruttori di bene comune”.

Il presidente di Confcooperative nazionale, Maurizio Gardini ha espresso affetto e vicinanza ai neoeletti presidenti congratulandosi per la scelta di favorire il ricambio generazionale e l’ingresso di donne cooperatrici. Gardini ha ricordato la capacità di Confcooperative di stare nella complessità, vista la molteplicità di settori che aggrega e rappresenta. «Viviamo una fase complicatissima. Competenza, passione e generosità devono essere i nostri valori guida nel difficile impegno della rappresentanza».

Comments are closed.