Ad aprile obbligo denuncia telematica infortunio sul lavoro.

imagesPer chi non ricordasse, il 23 settembre 2015 è stata pubblicata in G.U. la legge 151/2015 al cui art 21 modifica l’art. 53 del D.P.R. n. 1124/65 e stabilisce che “qualunque medico presti la prima assistenza a un lavoratore infortunato sul lavoro o affetto da malattia professionale è obbligato a rilasciare certificato ai fini degli obblighi di denuncia […] e a trasmetterlo esclusivamente per via telematica all’Istituto assicuratore (INAIL n.d.r.) […] contestualmente alla sua compilazione”.

Già allora la FNOMCeO evidenziava diverse criticità:

– la necessità di accreditare (attraverso il rilascio di credenziali) all’Inail tutti gli iscritti all’albo.

– Il possesso di strumenti informatici e di connettività fissi o mobili adeguati con onere a carico dei medici.

– in assenza di qualsiasi convenzione con l’Istituto Assicuratore, tale attività è configurabile come libero professionale.

Al 22 marzo 2016 saranno passati i 180 giorni previsti dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale per cui la legge sarà in vigore ed avremo un nuovo obbligo (ma va’!!).

Recentemente la FNOMCeO ha inviato una nuova nota al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, tornando ad evidenziare come le modifiche introdotte dall’art. 21 del D.Lgs. 151/2015 comportano i suddetti problemi tecnici e pratici ed ha chiesto che l’applicazione di tali disposizioni venga posticipata nell’attesa della risoluzione delle criticità evidenziate e nell’attesa di una circolare interpretativa che chiarisca cosa s’intenda per “qualunque medico presti la prima assistenza” e “contestualmente alla sua compilazione”.

I MMG, da parte loro, sono preoccupati poiché, “nella sola eventualità di un evento di soccorso”, si prefigura, oltre alle difficoltà enunciate, un’ulteriore sottrazione di tempo all’attività assistenziale per occuparsi di procedure amministrative lunghe, impegnative e rischiose dal punto di vista medico-legale (non è richiesta una specifica preparazione sul riconoscimento e l’evoluzione delle malattie professionali, riguarda la diretta ed estesa responsabilità professionale e non è contemplato il rischio di tentativi di “forzature” da parte dei pazienti in carico).

Intanto Codice Utente e Password sono forniti,  su richiesta, dalla Sede INAIL competente.
Staremo a vedere.
La comunicazione della FNOMCeO agli Ordini

Comments are closed.