Scuola: test tempestivi, indicazioni operative dal Ministero.

Il Ministero della Salute, con circolare n. 0030847 del 24/09/2020, fornisce il supporto decisionale agli operatori coinvolti nel monitoraggio e nella risposta a casi sospetti, probabili e confermati di COVID-19.

⁃ È definito “caso sospetto”, anche sulla base della valutazione del medico curante (PLS/MMG):

1. Un alunno che presenti un aumento della temperatura corporea al di sopra di 37,5°C o sintomatologia compatibile con COVID-19, in ambito scolastico o al proprio domicilio;

2. Un operatore scolastico che presenti un aumento della temperatura corporea al di sopra di 37,5°C o sintomatologia compatibile con COVID-19, in ambito scolastico o al proprio domicilio;

⁃ In presenza di sintomatologia sospetta, il medico di medicina generale (MMG) o il pediatra di libera scelta (PLS) lo comunica al Dipartimento di Prevenzione (DdP) e richiede tempestivamente il test diagnostico. Gli operatori scolastici e gli alunni hanno una priorità nell’esecuzione dei test.

⁃ In caso di test positivo, il DdP procede alla ricerca dei contatti mentre si avvia la sanificazione straordinaria della struttura scolastica nella parte interessata. Per la conclusione dell’isolamento e il rientro in comunità bisognerà attendere la guarigione mediante due tamponi (test di biologia molecolare) negativi a distanza di 24 ore l’uno dall’altro.

⁃ Se invece il test è negativo, in paziente sintomatico, il pediatra o il medico curante, valuta il percorso clinico/diagnostico più appropriato (o l’eventuale ripetizione del test) e l’opportunità dell’ingresso a scuola.

⁃ L’alunno o operatore scolastico convivente di un caso accertato sarà considerato contatto stretto e posto in quarantena. I suoi contatti stretti (esempio compagni di classe), non necessitano di quarantena, a meno di successive valutazioni del Dipartimento di Prevenzione in seguito a positività di test diagnostici sul suddetto alunno/personale scolastico.

L’attestazione di rientro a scuola (“Attestazione di nulla osta all’ingresso o al rientro in comunità”) in caso di test diagnostico per SARS-CoV-2 positivo, dopo il corretto percorso diagnostico\terapeutico è predisposta dal MMG/PLS dopo la conferma di avvenuta guarigione, con l’effettuazione di due tamponi a distanza di 24 ore, l’uno dall’altro risultati negativi.

⁃ In caso di patologie diverse da COVID-19, con tampone negativo, il soggetto rimarrà a casa fino a guarigione clinica seguendo le indicazioni del PLS/MMG che redigerà una attestazione che avalli il rientro a scuola dell’alunno/operatore scolastico poiché è stato seguito il percorso diagnostico-terapeutico e di prevenzione.

LA CIRCOLARE MINISTERIALE

Comments are closed.