Partita la dematerializzata per i farmaci in DPC in Campania

Anche la Campania si allinea all’Ordinanza del Capo della Protezione Civile che prevede l’utilizzo della ricetta elettronica dematerializzata. È ora possibile inviare telematicamente il NRE (Numero di Ricetta Elettronica) o il promemoria ai pazienti anche per i farmaci in regime DPC.

Persiste però la necessità di stampa su ricetta rossa SSN per i farmaci oppiacei, antiepilettici, O2 ed alcuni altri non presenti nell’elenco DPC.

Le Softwarehouse hanno già apportato le correzioni necessarie per la ricettazione dematerializzata dei farmaci in DPC.

Alcune regioni (Toscana) hanno predisposto una piattaforma per l’invio del NSE mediante SMS. La piattaforma per l’invio mediante SMS è stata offerta gratuitamente, dalla Toscana, a tutte le altre Regioni che ne facciano richiesta e sette di queste (Sardegna, Marche, Abruzzo, Friuli, Liguria, Val d’Aosta e Bolzano) si sono già fatte avanti.

Non è invece possibile, se non con procedure complesse, l’invio mediante applicazioni di messaggistica per smartphone. Nessuna Softwarehouse ne ha preso in considerazione l’automatismo.

Dal mese di aprile le fustelle ottiche che le farmacie applicavano sul promemoria cartaceo saranno applicate su appositi modelli allegati all’ordinanza regionale.

Permangono le precedenti indicazioni sulle modalità di erogazione dei farmaci in DPC e relative eccezioni (ad es. PLAVIX, Eparine ecc.).

Il controllo dei piani terapeutici attraverso la piattaforma informatica SaniArp è disattivato fino al 31 maggio 2020. La responsabilità dei controlli amministrativi per quanto riguarda la conformità al Piano Terapeutico è in capo al MMG che dovrà prestare, inoltre, attenzione a non inserire sulla stessa ricetta farmaci in regime “convenzionato” e “per conto”. Altresì bisognerà fare attenzione a non dematerializzare prescrizioni che seguono il percorso della Distribuzione Diretta.

LA NOTA REGIONALE CON ALLEGATI

Comments are closed.