PLAVIX prescrivibile solo con la dicitura “non sostituibile”

La Direzione Generale Politica del Farmaco e Dispositivi Regione Campania che già nel 2018 aveva comunicato la possibilità di erogazione della specialità Plavix® da parte delle farmacie di comunità in ottemperanza alle leggi che regolano la farmaceutica convenzionata, senza che venisse richiesta alcuna documentazione aggiuntiva, chiarisce che, essendo la specialità medicinale Plavix® quella maggiormente incidente sulla spesa convenzionale per farmaci in PHT, si rende necessario, pur nella garanzia della libertà prescrittiva dei medici per i pazienti particolarmente critici, e della continuità delle terapie già in atto, ridimensionare gli ambiti di utilizzo per tale specialità.

Di conseguenza, il “clopidogrel – brand non sostituibile” (intendendo con tale termine la specialità registrata come originator – Plavix®) è stato inserito, nell’ultima revisione dei medicinali PHT in vigore dal 1° novembre c.a., proprio per venire incontro alle particolari esigenze terapeutiche, nell’allegato C (Medicinali PHT in convenzionata).

Tuttavia, poiché tutti i medicinali in commercio a base di clopidogrel risultano equivalenti alla specialità medicinale originator Plavix®, si rende necessaria l’indicazione alla non sostituibilità per l’originator Plavix® (e non per le altre specialità considerate equivalenti). Per cui, nel caso in cui in cui il medico richieda in modo vincolante la specialità Plavix®, fuori dalla DPC, bisogna aggiungere la dicitura “NON SOSTITUIBILE”, motivandola, sulla ricetta SSR.

Naturalmente la richiesta di non sostituibilità non può essere soddisfatta se la prescrizione avviene in DPC.

Le ASL regionali effettueranno in modo omogeneo l’approvvigionamento del Clopidogrel in DPC, in modo da non determinare carenze locali nelle forniture.

LA NOTA REGIONALE

Comments are closed.