Firmato l’ACN per la Specialistica. Le novità che riguardano anche la Medicina Generale

La SISAC e le Organizzazioni Sindacali rappresentative a livello nazionale hanno siglato il nuovo Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con gli Specialisti Ambulatoriali interni, veterinari ed altre professionalità sanitarie (biologi, chimici, psicologi).

In attesa delle procedure di ratifica mediante valutazione del Comitato di Settore del comparto Regioni-Sanità, del Governo e della Corte dei Conti cui seguirà l’atto di Intesa in sede di Conferenza Stato-Regioni che ne consentirà l’effettiva entrata in vigore è possibile individuare alcuni spunti interessanti anche per la Medicina Generale:

Gli specialisti ambulatoriali e i professionisti opereranno obbligatoriamente all’interno delle nuove forme organizzative AFT e aderiranno obbligatoriamente al sistema informativo regionale e nazionale.

Anche i Veterinari potranno essere integrati nelle AFT sulla base di scelte regionali.

Gli specialisti opereranno presso le sedi indicate dall’Azienda: le UCCP o presso le AFT della Medicina Generale.

Anche per i colleghi S.A. sono previsti processi di valutazione dei risultati attraverso audit clinici ed organizzativi (verosimilmente potrebbe essere possibile condividere questi momenti dato il previsto “pieno raccordo” con le AFT/UCCP).

Le prestazioni possono essere svolte presso lo studio del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta (Art. 32, 3/d).

La Dichiarazione a verbale n. 3 prevede l’eventuale adeguamento dell’Accordo rispetto a quanto deriverà dai successivi Accordi per la medicina generale e per la pediatria di libera scelta.

L’ipotesi di ACN per la Specialistica (firmato)

Comments are closed.