Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) ASL SALERNO. Modalità erogative

Il DCA n. 21 del 04.02.2019 ha promulgato, per la Regione Campania, disposizioni sulle modalità erogative per la Procreazione Medicalmente Assistita (PMA), sia omologa che eterologa.

Le suddette prestazioni rientrano oggi nell’ambito delle prestazioni di specialistica ambulatoriale. Si è quindi provveduto ad aggiornare il Nomenclatore Regionale della Specialistica Ambulatoriale al fine di ricollocare le prestazioni di PMA dal regime di ricovero ospedaliero a quello ambulatoriale come previsto dal DPCM 18/01/2017;

In attesa della definizione delle procedure di accreditamento e del regime di erogazione delle prestazioni di diagnosi pre-impianto (PGD), per assicurare la pronta attuazione del provvedimento regionale la Direzione Commissariale della ASL Salerno ha adottato un protocollo operativo per regolamentare le richieste di prestazioni di PMA;

Il percorso da seguire è il seguente:

  1. Acquisizione della documentazione da parte del Centro PMA del Distretto di residenza del richiedente;
  2. Invio della suddetta documentazione al Direttore del Dipartimento Salute Donna Bambino per:
  • Il rilascio del parere di congruità della spesa relativa alle prestazioni rese
  • L’indicazione dei nuovi codici di prestazione PMA omologa ed eterologa previsti dal Nomenclatore oggetto della richiesta;
  1. Trasmissione da parte del Distretto al MMG dell’istanza di PMA unitamente all’indicazione dei relativi cadici prestazione da inserire nella redazione della ricetta rossa (recante anche eventuale esenzione ticket), in attesa dell’adeguamento del sistema per la redazione della ricetta dematerializzata
  2. Autorizzazione dell’impegnativa presso il Distretto di residenza.

LA NOTA AZIENDALE

IL DECRETO REGIONALE

Comments are closed.