• La FNOMCeO interviene sulle certificazioni telematiche di malattia

    Il presidente FNOMCeO Filippo Anelli, con nota del 28/02/2019 avente ad oggetto “certificazioni di malattia” ribadisce e puntualizza quanto segue.

    L’art. 55-septies, comma 2, del D.Lgs. 165/01 dispone che “In tutti i casi di assenza per malattia la certificazione medica è inviata per via telematica, direttamente dal medico o dalla struttura sanitaria che la rilascia, all’Istituto nazionale della previdenza sociale, secondo le modalità stabilite per la trasmissione telematica dei certificati medici nel settore privato dalla normativa vigente, e in particolare dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri previsto dall’articolo 50, comma 5-bis, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, introdotto dall’articolo 1, comma 810, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e dal predetto Istituto è immediatamente resa disponibile, con le medesime modalità, all’amministrazione interessata. L’istituto nazionale della previdenza sociale utilizza la medesima certificazione per lo svolgimento delle attività di cui al successivo comma 3 anche mediante la trattazione dei dati riferiti alla diagnosi, relativi certificati devono contenere anche il codice nosologico. Il medico o la struttura sanitaria invia telematicamente la medesima certificazione all’indirizzo di posta elettronica personale del lavoratore qualora il medesimo ne faccia espressa richiesta fornendo un valido indirizzo.”

    Si sottolinea che con Circolare n. 2/10 della Presidenza del Consiglio dei Ministri —DFP-DDI – è stato chiarito che il regime di trasmissione telematica dei certificati riguarda i medici dipendenti del servizio sanitario nazionale, i medici convenzionati con il servizio (di medicina generale, specialisti e pediatri di libera scelta), nonché i medici liberi professionisti.

    Si rileva che la violazione dell’obbligo di trasmissione in via telematica è sanzionata dalla legge e dagli accordi collettivi per i medici dipendenti del servizio sanitario nazionale e i medici che lavorano in convenzione. Il mancato utilizzo “della modalità telematica” non è invece specificamente sanzionato per i medici liberi professionisti.

    In particolare l’art. 55-septies, comma 4, del D.Lgs. 165/01 prevede che “l’inosservanza degli obblighi di trasmissione per via telematica della certificazione medica concernente assenze di lavoratori per malattia di cui al comma 2 costituisce illecito disciplinare e, in caso di reiterazione, comportaL’art. 55-septies, comma 2, del D.Lgs. 165/01 dispone che “In tutti i casi di assenza per malattia la certificazione medica è inviata per via telematica, direttamente dal medico o dalla struttura sanitaria che la rilascia, all’Istituto nazionale della previdenza sociale, secondo le modalità stabilite per la trasmissione telematica dei certificati medici nel settore privato dalla normativa vigente, e in particolare dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri previsto dall’articolo 50, comma 5-bis, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, introdotto dall’articolo 1, comma 810, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e dal predetto Istituto è immediatamente resa disponibile, con le medesime modalità, all’amministrazione interessata. L’istituto nazionale della previdenza sociale utilizza la medesima certificazione per lo svolgimento delle attività di cui al successivo comma 3 anche mediante la trattazione dei dati riferiti alla diagnosi, relativi certificati devono contenere anche il codice nosologico. Il medico o la struttura sanitaria invia telematicamente la medesima certificazione all’indirizzo di posta elettronica personale del lavoratore qualora il medesimo ne faccia espressa richiesta fornendo un valido indirizzo.”

    In conclusione si rileva che la Circolare n. 1/11 della Presidenza del Consiglio dei Ministri — DFP/DDI — ha chiarito che in ordine alla responsabilità specifica per violazione della normativa in materia di trasmissione telematica dei certificati “affinché si configuri un’ipotesi di illecito disciplinare devono ricorrere sia l’elemento oggettivo dell’inosservanza dell’obbligo di trasmissione per via telematica sia l’elemento soggettivo del dolo o della colpa. Quest’ultimo, in particolare, è escluso nei casi di malfunzionamento del sistema generale, guasti o malfunzionamenti del sistema utilizzato dal medico, situazioni che debbono essere considerate dalle aziende sanitarie e dalle altre strutture interessate ai fini dell’esercizio dell’azione disciplinare. Pertanto, la contestazione dell’addebito nei confronti del medico dovrà essere effettuata soltanto se dagli elementi acquisiti in fase istruttoria, anche mediante consultazione del cruscotto di monitoraggio reso disponibile dal SAC (sistema di accoglienza centrale), descritto al successivo paragrafo 3, risulti che non si sono verificate anomalie di funzionamento”.

    Pertanto, stante quanto suesposto, si ritiene che il certificato medico cartaceo sia ammesso solo a fronte di motivazioni di tipo tecnico e/o procedurale che non rendano possibile la trasmissione elettronica della certificazione. La Circolare n. 4111 della Presidenza del Consiglio dei Ministri — DFP-DDI — ha affermato che “nel caso in cui il medico non proceda all’invio online del certificato di malattia, ad esempio perché impossibilitato a utilizzare il sistema di trasmissione telematica, ma rilasci la certificazione e l’attestazione di malattia in forma cartacea, il lavoratore presenta l’attestazione di malattia al proprio datore di lavoro e, ove previsto, il certificato di malattia all’INPS, secondo le modalità tradizionali”.

    In conclusione si rileva che ANCHE LE STRUTTURE SANITARIE OSPEDALIERE SONO OBBLIGATE ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA DELLA CERTIFICAZIONE DI RICOVERO E DI MALATTIA. Tuttavia, qualora le stesse siano impossibilitate alla trasmissione telematica, il lavoratore deve farsi rilasciare il certificato cartaceo e trasmetterlo all’INPS con le modalità previste. Deve, inoltre, provvedere a inviare una copia priva di diagnosi al proprio datore di lavoro.

    LA NOTA DELLA FNOMCeO SULLE CERTIFICAZIONI DI MALATTIA

Comments are closed.