E’ legge il dl Responsabilità professionale

Il DL Gelli, responsabilità professionale, di Elio Giusto e Maria Antonietta Scovotto:

La legge Gelli è di un disegno di legge che riforma completamente la responsabilità professionale, sia penale che civile, di tutti coloro che lavorano in campo sanitario, sia nelle strutture pubbliche che in quelle private. L’obiettivo è quello di combattere il fenomeno della “medicina difensiva”, ossia l’eccesso di zelo che alcuni medici dimostrano prescrivendo numerose visite, test diagnostici ed esami, di dubbia necessità, al fine di cautelarsi da eventuali denunce dei pazienti.

Il testo prevede che il medico che provoca un danno a un paziente per imperizia non sarà penalmente punibile. I passaggi chiave della legge si leggono nell’articolo 6 e nell’articolo 8.

L’articolo 6: “Responsabilità penale dell’esercente la professione sanitaria” che è destinato ad inserire una nuova norma nel codice penale nella quale appunto si prevede che chi rispetta le buone pratiche e le linee guida non è punibile se ha agito per imperizia (lo resta se lo ha fatto per imprudenza e negligenza e nei casi, rarissimi, di dolo). Dal punto di vista civile, la responsabilità del medico diventa “extracontrattuale”, cosa che obbliga la persona che ha subito un danno in ospedale o da parte del medico di medicina generale, a dimostrare la colpa di chi l’ha curata. Per quanto riguarda la responsabilità della struttura sanitaria, questa, resta “contrattuale”, e quindi in questo caso spetta all’ospedale o alla Asl provare di non avere responsabilità. In questo modo il cittadino potrà così ottenere il risarcimento dal soggetto economicamente più solido, ossia la Asl

L’articolo 8 prevede, invece, un meccanismo finalizzato a ridurre il contenzioso per i procedimenti di risarcimento da responsabilità sanitaria mediante un tentativo obbligatorio di conciliazione da espletare da chi intende esercitare in giudizio un’azione risarcitoria.

Elio Giusto e Maria Antonietta Scovotto

Il dl Responsabilità Professionale

Lascia un commento