Dal 20 luglio in Campania al via la dematerializzata per la specialistica. 


Come già anticipato lo scorso mese di Giugno, la Giunta regionale della Campania ha approvato ieri (06/07/2016) la delibera con la quale si avvia il processo di “dematerializzazione” della ricetta per le prestazioni di assistenza specialistica. Come già avviene per quelle farmaceutiche, saranno abbandonate le ricette rosse e le richieste di prestazioni specialistiche saranno registrate sulla piattaforma “SAC”, (Sistema di Accoglienza Centrale). Al cittadino sarà consegnato il già noto promemoria e gli sarà consentito ricevere la prestazione in tutte le strutture pubbliche o private. La delibera sarà operativa dal 20 luglio prossimo e non cambia il percorso per usufruire delle prestazioni. In particolare, per la ricetta elettronica restano le stesse norme in vigore per quella cartacea, anche per quanto riguarda l’eventuale esenzione alla compartecipazione alla spesa sanitaria. Oltre ad essere un preciso adempimento della Regione nei confronti del Ministero dell’Economia e delle Finanze, la dematerializzazione consentirà alla Regione un più attento monitoraggio e un’analisi della attività sia dei medici prescrittori, sia delle strutture che erogano prestazioni sanitarie.
Si è inteso inoltre rendere più stringente e trasparente il controllo dei tempi di attesa per le prestazioni. La delibera, infatti, nel fornire ai medici tutte le indicazioni sulle modalità di compilazione della ricetta, li richiama ancora una volta alla necessità di compilare rigorosamente tutte le informazioni già rese obbligatorie dal Piano regionale per il governo delle liste di attesa, che consentono di monitorare attentamente quali siano i tempi entro i quali le strutture regionali riescono a garantire le prestazioni ai propri cittadini. La prescrizione elettronica riguarda tutte le prestazioni specialistiche: dalle visite cardiologiche a quelle neurologiche, dalle mammografie alle visite oculistiche, ortopediche e urologiche, agli esami radiologici.

La ricetta dematerializzata per la diagnostica/specialistica, stando alle informazioni provenienti dalla Regione, dovrebbe diventare obbligo dal 1° novembre o, più verosimilmente dal 31 dicembre 2016. Nella fase iniziale, fino a che non sarà ufficializzato il giorno esatto dell’addio alla ricetta rossa e fintanto che la Regione non avrà caricato il nuovo catalogo sulla piattaforma Sogei, saranno accettate dalle strutture erogatrici e/o dai Centri accreditati sia le ricette rosse (SSN) che quelle dematerializzate.

La nota pubblicata sul portale della Regione 

Comments are closed.