Confermato il rinvio dell’applicazione del nuovo Catalogo Regionale

In attesa degli adeguamenti delle software house al fine di ricodificare gli esami più frequentemente prescritti per cercarli con una dicitura più semplice ma prescriverli con quella del Codice Prescrittivo Regionale, al fine di evitare ancora disagi ai cittadini, è confermata la possibilità di utilizzare ancora il vecchio nomenclatore. Così, chi ha installato nel proprio gestionale il nuovo catalogo potrà, volendo, ritornare al “vecchio” scaricando la vecchia versione dal sito del gestore, ma perderebbe la possibilità di far pratica su un elenco che diverrà presto obbligatorio. 

La proroga di utilizzo dei vecchi codici è di sei mesi e cioè fino al 30 maggio 2016, periodo durante il quale potranno essere indifferentemente utilizzati il Nomenclatore o il Catalogo, dopodiché l’applicazione del Catalogo sarà obbligatoria. 

Chi ha già utilizzato il Catalogo avrà notato che le prestazioni sono suddivise per branche. Si ricorda che non è possibile inserire prestazioni per branche diverse sulla stessa ricetta. Questo, tuttavia, non modifica le competenze o i comportamenti delle strutture o degli specialisti accettanti. 

LA NOTA REGIONALE DI RINVIO E CHIARIMENTI 

Comments are closed.