Modalità applicative DECRETO 56

Le cattive notizie sono come quei giochi di bimbi prepotenti che per farsi notare non la smettono di infastidire chi invece gioca pacificamente e rispettosamente. Così ancora una volta la Regione Campania sbatte in faccia ai medici, dipendenti e convenzionati, il DECRETO 56, ma stavolta, per fortuna (perdonate l’ironia), con l’avallo dei rappresentanti delle OO.SS. dei MMG e di Federfarma Campania (ricordo che in altre Aziende gli stessi obiettivi di risparmio sono condivisi con i MMG, che spesso riescono a suggerire modalità vantaggiose per i pazienti e per il SSN, e adeguatamente incentivati).

Dunque con apposita nota sono state esplicitate le modalità con cui si darà attuazione al Decreto commissariale n. 56 del 29 maggio 2015 dal 1 ottobre prossimo.

In sintesi a partire al 1° ottobre 2015 la prescrizione di farmaci contenenti rosuvastatina, l’associazione di simvastatina-ezetimibe, oppure le associazioni di antipertensivi o Etoricoxib dovranno trovare compiuta giustificazione basata su elementi scientifici (EBM) ed espressa attraverso un codice a tre o più cifre da apporre in appositi spazi del ricettario regionale o del promemoria della dematerializzata. Tale pratica sara applicabile solo ai pazienti naive (sono fatte salve le terapie già in corso), mentre andrà solo segnalata, sempre con apposito codice, l’eventuale terapia già in atto con i farmaci “all’attenzione” della Regione.

Non è più, per fortuna, prevista la compilazione del modello unico di prescrizione da allegare alla ricetta e le softwarehouse dovrebbero (il condizionale è sentito) disporre le dovute modifiche dei gestionali per creare caselle di avviso con elenco di motivazioni a scelta un po’ come avviene già per i sartani. Il codice di “paziente con trattamento in corso” o la motivazione della prescrizione del farmaco coperto da brevetto (per i naive), dovrebbe essere indicato immediatamente dopo il nome del farmaco.

Ulteriori indicazioni sono poi emanate a carico dei Centri individuati come prescrittori dell’eritropoietina, la somatropina, i fattori di crescita granulocitari, i farmaci oncoematologici, ecc.

Per evitare poi ogni tipo di semplificazione è, inoltre, pubblicato un allegato esplicativo in cui sono previsti solo per le statine 15 codici motivazionali in attuazione della nota 13 AIFA.

Strano ma vero, è osteggiata anche la prescrizione di quelle associazioni di antipertensivi che rendeva la terapia più economica e vantaggiosa (per la compliance) rispetto alla assunzione delle due molecole in compresse separate.

Qui la nota attuativa regionale e l’allegato 1.

A giorni saranno organizzati incontri esplicativi presso le sedi della cooperativa.

Comments are closed.